Idropulitrici

Idropulitrici: come individuare il modello più adatto

Studiate per riuscire a togliere completamente anche lo sporco più ostinato, grazie alla potenza del vapore acqueo, le idropulitrici rappresentano un prodotto sempre più apprezzato dalla clientela. Nonostante siano presenti sul mercato soltanto da pochi anni, ciò non ha ostacolato il loro gr...

Idropulitrici: come individuare il modello più adatto

Studiate per riuscire a togliere completamente anche lo sporco più ostinato, grazie alla potenza del vapore acqueo, le idropulitrici rappresentano un prodotto sempre più apprezzato dalla clientela. Nonostante siano presenti sul mercato soltanto da pochi anni, ciò non ha ostacolato il loro grande successo, essendo sempre più presenti nelle nostre abitazioni. Si tratta di apparecchi professionali che consentono di eliminare ogni tipo di sporco in maniera semplice e immediata. Con le idropulitrici Karcher (il marchio Karcher è uno dei migliori sul mercato) si risolve il problema della pulizia degli esterni, senza troppa fatica e con un risultato finale eccellente.

Dove vengono impiegate

L’utilizzo principale delle idropulitrici è la pulizia. Di cosa? Di qualsiasi cosa che resista all’acqua e che si possa posizionare all’aperto. Lavare la macchina o la motocicletta con le idropulitrici professionali è un gioco da ragazzi, così pure il muro di cinta della casa, le pareti esterne o i vialetti che attraversano il giardino. Le situazioni in cui è possibile utilizzare con successo le idropulitrici sono numerose e vanno dall’ambito più industriale e tecnico a quello prettamente hobbistico e domestico.

Le idropulitrici Karcher K5 sono utili per la pulizia esterna di autotreni, pullman, autobus, tram, automobili, motocicli. Questi strumenti si possono adoperare anche per pulire pezzi di ricambio di macchinari, assicurandosi però che essi non abbiano problemi o non si danneggino al contatto con l’acqua. Potrete utilizzare anche le idropulitrici Karcher K4 su pavimenti di officine e di industrie di vario tipo, su piazzali asfaltati, cementati o massellati, su pareti esterne e tetti per rimuovere muffe e muschi. In sostanza per chi ha la fortuna di vivere in una casa dotata di giardino o di terrazzo, le idropulitrici Karcher sono elettrodomestici indispensabili quanto l’aspirapolvere.

Come sceglierle

Individuare il modello più adatto per le proprie esigenze non è sempre semplice, perché le variabili da tenere in considerazione sono più d’una. Un elemento importante nella scelta delle idropulitrici è la portata, cioè la quantità d’acqua che la macchina è in grado di “sparare” ad alta pressione dall’ugello della lancia. La portata si esprime in litri/ora e un giusto parametro per una buona idropulitrice può andare dai 340 l/h, se si vuole scegliere un prodotto economico e per un uso sporadico ai 460 l/h, per idropulitrici più importanti per un uso più frequente o per superfici di grandi dimensioni.

Altro elemento da considerare è la pressione: per idropulitrici domestiche, una pressione compresa tra i 100 e i 140 bar può essere già più che sufficiente. Se si passa ai 150 o 160 bar si è normalmente in presenza di idropulitrici professionali. Altro elemento rilevante da valutare è la potenza, espressa in kW che varia in base al modello d’uso, alla modalità d’intervento (pulizia ordinaria e straordinaria). Il nostro consiglio è quello di scegliere idropulitrici che abbiano consumi e wattaggio adeguati alle esigenze dell’ambiente da pulire. Se ad esempio dovrete lavare un'automobile o una superficie ridotta di massimo 40-50 metri quadrati come può essere un garage o una cantina, potete orientarvi su idropulitrici con una pressione pari a 110 bar. Se invece pensate di usare le idropulitrici su aree più grandi, fino a 100 metri quadri, meglio optare per una pressione di 140 bar.

Altre