Guanti

Guanti da lavoro di protezione

Perché sono importanti

Le mani sono i nostri “strumenti” più validi e proprio per questo sono i più esposti ai rischi. Purtroppo le lesioni alle mani rappresentano tutt’oggi, una percentuale rilevante di infortuni nel settore industriale e artigianale. Per questo motivo è importante proteggerle adoperando degli a...

Guanti da lavoro di protezione

Perché sono importanti

Le mani sono i nostri “strumenti” più validi e proprio per questo sono i più esposti ai rischi. Purtroppo le lesioni alle mani rappresentano tutt’oggi, una percentuale rilevante di infortuni nel settore industriale e artigianale. Per questo motivo è importante proteggerle adoperando degli appositi guanti da lavoro. Si tratta di dispositivi di protezione individuale molto importanti, in quanto sul posto di lavoro le nostre mani possono essere sottoposte a rischi di varia natura: rischi meccanici, elettrici, chimici/biologici e termici. I guanti da lavoro fanno parte delle attrezzature denominate D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale), cioè quella speciale categoria di abbigliamento che il lavoratore deve indossare per proteggersi da rischi che non possono essere del tutto evitati.

L’uso di questa attrezzatura è disciplinato dal D.Lgs 81/2008. Per operare in sicurezza quando si muovono attrezzi e apparecchiature oppure quando vengono maneggiati materiali chimici nocivi per la pelle è fondamentale che i guanti da lavoro siano realizzati col materiale più idoneo e abbiano le migliori caratteristiche per quello specifico utilizzo. Sul nostro sito trovate guanti da lavoro prezzi davvero concorrenziali, ma per capire di quali guanti avete bisogno, è necessario conoscere in quale circostanza verranno adoperati, ovvero, con cosa avete a che fare ogni giorno?

Diverse tipologie di protezione

Agenti meccanici e termici

In presenza di lavorazioni particolarmente pesanti, logoranti fisicamente o in processi termici, è fondamentale indossare dei guanti da lavoro resistenti in materiali robusti come il cuoio, crosta, cotone o kevlar (fibra sintetica aramidica dalla grande resistenza meccanica alla trazione). Nel caso soprattutto di lavorazioni che espongono le mani ad elevate temperature, possono essere utilizzati guanti termici da lavoro in fibra in aramide dall'altissima resistenza al calore, taglio ed usura. Per le basse temperature, nei lavori ad esempio in celle frigorifere, sono idonei i guanti termici impermeabili da lavoro. Proteggere le mani dal freddo con guanti da lavoro invernali è dunque una necessità per tutti quei lavoratori che operano in ambienti esterni, quindi potenzialmente soggetti ad eventi climatici avversi, oppure in ambienti refrigerati artificialmente, come per l’appunto le celle frigo.

Agenti chimici e biologici

In caso di contatto con agenti chimici come solventi, o sostante chimiche in genere, è fondamentale adoperare dei guanti da lavoro idonei al prodotto chimico maneggiato. Ad esempio i guanti in nitrile hanno una scarsa resistenza all'acetone (meglio i guanti in neoprene o heveaprene agli olii lubrificanti). Da preferire i guanti in PVC che garantiscono una buona protezione a moltissimi materiali come alla benzina, all'alcol etilico, formaldeide, grasso, kerosene, benzene, vernici, soda caustica ecc. La grande versatilità, elasticità, resistenza ai graffi e rotture ed il bassissimo rischio di allergie connesse al nitrile fanno sì che la maggior parte dei guanti da lavoro siano prodotti in questo materiale. Per le contaminazioni radioattive è necessario utilizzare guanti impermeabili da lavoro che superino le prove di penetrazione previste dalla norma (ad esempio per le radiazioni ionizzanti il guanto deve contenere una specifica quantità di piombo).

Agenti elettrici

In presenza di rischi di contatto con apparecchi in tensione è indispensabile indossare dei guanti da lavoro isolanti in lattice di gomma sui quali va espressamente riportata l'indicazione della tensione massima sopportabile (da 5.000 a 30.000 V).

Altre